newslogo

Sesso tantrico il piacere garantito

07:00 - Se pensi al sesso tantrico ti viene in mente Sting, vero? È stato il cantante pop infatti a fare da testimonial a questo particolare approccio alla sessualità. Ma a parte questa associazione, non si sa bene di cosa si tratta. Ebbene, applicare il tantra al sesso vuol dire concentrandosi meno sulla performance (cioè il raggiungere il risultato), per godere dell'esperienza erotica nella sua totalità

Il sesso tantrico si concretizza quindi non tanto in posizioni e acrobazie ma sulla consapevolezza di noi stessi: più ci conosciamo e abbiamo consapevolezza profonda di chi siamo e del nostro corpo, più il nostro piacere sarà intenso. Da dove si parte? Dalla similitudine del corpo con un tamburo: starà a noi trovare il modo per farlo suonare. Vediamo meglio in dettaglio.

QUATTRO CHIAVI PER TROVARE IL PIACERE
Attenzione, movimento/ritmo, suono e respiro sono le 4 chiavi del piacere secondo il tantra. Si parte dal guardare dentro se stessi, per trovare le porte che aprono al piacere. Porta dopo porta (quattro, appunto) si espanderà la propria energia sessuale, che di conseguenza migliorerà la vita affettiva. Il passo quindi precede quello di trovare il partner e la situazione giusta.

Chiave N.1: Attenzione - Intesa come consapevolezza corporea, insegna ad ascoltare il proprio corpo, prima in separata sede, poi insieme al partner. Ad esempio, con questo esercizio in tre parti.
a) Con gli occhi chiusi e una musica di sottofondo rilassante e visualizza le varie parti del corpo: piedi, gambe, bacino, collo
b) A questo punto concentrati sulle emozioni e poniti alcuni domande: che clima c’è dentro di te? In quale parte del corpo senti quell’emozione?
c) Fai delle associazioni mente-corpo aiutandoti con questo pensiero: se fossi su un treno e vedessi i miei pensieri passare, quali sarebbero e cosa direbbero di me?

Chiave N.2: Movimento e ritmo - Permette la circolazione dell’energia, elemento fondamentale per muoversi insieme al proprio partner, soprattutto al livello del bacino. L’esercizio da fare è il seguente: mettetevi sedere contro sedere, tenetevi per le mani e iniziate a pedalare, come se inforcaste una immaginaria bicicletta.

Chiave N.3: Voce - Le emissioni vocali e i suoni che escono dalla gola liberano la mente, sbloccano il torace e il ventre (bacino), e quindi il piacere. Non trattenerle - non è obbligatorio "gridare" -, lasciale fluire nel corpo e poi fuoriuscire dalla gola, con naturalezza: è autoeccitante, e aiuta a mettere in circolazione le energie sessuali.

Chiave N.4: Respiro - Mira a imparare a respirare bene, profondamente, per arrivare al piacere. L’esercizio consigliato è questo: Mentre inspiri, conta fino a 6, trattieni per altri 6 e rilascia, sempre contando fino a 6, perché le fasi del respiro devono essere simmetriche. Se ti alleni in questo modo, inizi a cambiare non solo la respirazione, anche il modo in cui senti il tuo corpo

La grammatica uccide il desiderio

ROMA – La grammatica può uccidere la libido. Una frase sbagliata può allontanare il partner che si vuole corteggiare tramite chat e sms. La scusa del T9 sembra essere ormai superata e agli occhi di molti poco credibile, perché non si può sbagliare un congiuntivo.

Gli errori grammaticali più anti-sesso sembrano essere diversi. Eccone alcuni:

Il congiuntivo sbagliato guadagna senza dubbi il primo posto. Le ‘o’ oppure le ‘a’ senza l”h’ sono decisamente improponibili come il mancato riconoscimento della ‘e’ come verbo essere (è).

È bene ricordarsi che “po’” va scritto con l’apostrofo e non con la ‘o’ accentata e che il verbo dare, invece, alla terza persona indicativa va accentato (dà). Fonte blitzquotidiano

Il porno rende stupidi

Internet ha portato il sesso hard alla portata di tutti e senza costo creando vere e proprie dipendenze sessuali che la medicina ha da tempo messo sotto osservazione per capirne l’effetto su di noi.


Dopo aver detto che l’eccesso di porno visivo riduce il desiderio, danneggia soprattutto la maturità dei giovani, incide sulla fertilità, ora l’ultima “verità” viene dal famoso Max Plant Institute di Berlino  dove i ricercatori hanno studiato la morfologia del cervello, le connessioni neurali e l’attività della nostra materia grigia  di un gruppo di soggetti selezionati fra forti consumatori di film  a luci rosse.


Ebbene, è emerso che  a farne le spese è  il cervello che riduce le connessioni tra un neurone e l’altro e dunque l’attività cerebrale che è correlata all’intelligenza: più attività neurale avviene nel cervello e più si è intelligenti; meno attività equivale a meno intelligenza.

Intanto va detto che gli osservati erano solo 64 giovani uomini e non anche giovani donne. E l’osservazione ha evidenziato che in tutti i soggetti sono stati osservati cambiamenti nel tessuto nervoso di quella parte del cervello detto “centro della ricompensa”. In poche parole,  è risultato che guardare troppi film porno rende stupidi rispetto a chi non ne guarda o ne guarda in misura moderata.


Il punto è però è proprio questo, come capire  quando la soglia da moderata diventa eccessiva?

ovvero il limire da non superare, la misura del consumo dannoso di film porno?


I ricercatori hanno così sentenziato che  la relativa “stupidità”, intesa come riduzione dell’attività del cervello rispetto a soggetti diversi, si  verifica quando il consumo di porno supera le 4 ore a settimana.


Ma subito dopo aver indicato la soglia,  da bravi scienziati che non escludono nulla, si sono chiesti se la riduzione dell’attività cerebrale osservata in chi indugia più di 4 ore a settimana sui siti porno è la causa dell’instupidimento o è l’effetto. Vale a dire se è la preesistente ridotta attività del cervello a causare la dipendenza dal porno visivo che si determina dopo aver consumato più di 4 ore di film a luci rosse a settimana.


Per il momento l’interrogativo resta aperto. I ricercatori osservano però che chi è nato con quest’area del cervello limitata potrebbe aver bisogno di maggiori stimoli per attivarla, inducendo una ricerca di appagamento attraverso  la pornografia , anche eccessiva.

Boom del porno in tutta Europa

Per il momento, il fenomeno dell'aumento della dipendenza dal porno  è certificato dai numeri solo in Gran Bretagna. Ma il numero di “porno-dipendenti”, quegli uomini che collezionano in maniera ossessiva immagini e filmati pornografici su computer o cellulari, aumenta anche nel resto d’Europa, Italia inclusa.

Il comportamento è innocuo solo in apparenza, perché in realtà mette a dura prova la relazione con la partner.

Secondo un´indagine di Bbc News effettuata su 43 terapisti specializzati, l´80% di questi esperti assicura che si tratta di un fenomeno reale e in crescita, che spinge le persone a stare più di otto ore al giorno su siti vietati ai minori.

La navigazione a luci rosse è oggi un sistema poco caro e sicuro per dare sfogo alle proprie manie di sesso: rispetto ai rapporti occasionali o al ricorso alla prostituzione, è un metodo che tranquillizza i sesso-dipendenti. Ma in realtà va a minare più a fondo i rapporti con la compagna, che si sente tradita e la maggior parte delle volte abbandona il partner per scarsa fiducia.


Ancora diffusa è anche la dipendenza dal sesso inteso in senso tradizionale, che si manifesta con la necessità di avere più rapporti, fino a 10-12 al giorno: una mania a cui la pornografia sembra sempre accostarsi, amplificandola con risultati ancora più negativi.

Pagina 358 di 360

Marco Rossi sui Social Network

 

facebook logo detail ios homescreen icon

unnamed pinterest-icon

 

Marco Rossi è Collaboratore di Psicologi Italia

label-psicologo

Marco Rossi è Presidente della Società Italiana di Sessuologia ed Educazione Sessuale

Marco Rossi e il Centro Medicina Sessuale

10177450 644754452262215 609929187 n

 

Marco Rossi su Run Radio

runradio

Mercoledì ore 10,55

Marco Rossi su Radio Deejay

Lunedì ore 23,30

in DeeSera

Impotenza

Istruzioni per l'uso

E' possibile scaricare l'applicazione gratuitamente su iTunes

Eiaculazione Precoce

Istruzioni per l'uso

E' possibile scaricare l'applicazione gratuitamente su iTunes

Cerca nel sito

Acquarelli Erotici

Realismo Idealista a Zagabria

 Acquarelli Erotici

Prossimi Incontri ed Eventi

Martedì 9 Aprile alle ore 18,30 presso il Castello di Padernello si terrà una "Aperitivo Afrodisiaco" dove il Dottor Marco Rossi sessuologo e psichiatra vi accompagnerà in una serata stuzzicante e accattivante indagando il rapporto nuovo e antico tra eros e cibo.

Per info cliccare Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Per iscrizioni Castello di Padernello

Organizzazione Conferenze Incontri ed Eventi

ORGANIZZAZIONE CONFERENZE INCONTRI ED EVENTI
Il Dott. Marco Rossi ha una lunga esperienza nella organizzazione di eventi e nella partecipazione in qualità di relatore e/o moderatore a conferenze. Le tematiche trattate sono inerenti al singolo, alla coppia, a problematiche sociali e temi culturali riguardanti la sfera dei sentimenti e della sessualità senza mai tralasciare la componente psicologica.

Organizzazione Conferenze Incontri ed Eventi

Go to top