newslogo

India: omosessualità non é più un reato

L'omosessualità non è più reato in India. Con una decisione storica, la Corte Suprema indiana ha poco fa depenalizzato l'omosessualità, cancellando la sezione 377 del Codice Penale indiano che da 157 anni puniva come "offese contro natura" questi comportamenti. Lo scrive l'agenzia di stampa ANI. Finora essere gay poteva costare fino a 10 anni di prigione. "Criminalizzare l'omosessualità è irrazionale e indifendibile", ha osservato il Presidente del collegio giudicante illustrando il verdetto. La sentenza arriva dopo anni di battaglia: un'analoga decisione della Alta Corte di Delhi, del 2009, era stata poi cancellata nel 2013 dalla stessa Corte Suprema, per poi tornare in agenda nel 2017. In festa gli attivisti dei diritti civili, le associazioni, e tutta la comunità gay internazionale.

fonte ANSA

Malattia mentale e gravidanza, rischio recidiva più elevato nel trimestre dopo il parto

 

Uno studio inglese ha registrato come il rischio di recidiva di malattia mentale sia più elevato nei primi tre mesi dopo il parto. Rischio tanto più evidente se le gestanti hanno avuto una o più ricadute nei due anni precedenti la gravidanza

04 SET (Reuters Health) – Le donne che soffrono di una grave patologia malattia mentale presentano un rischio aumentato del 30% di ricaduta nei tre mesi successivi al parto il parto. È quanto emerge da uno studio inglese pubblicato da Schizophrenias Research.“Il rischio è significativamente maggiore nelle donne che hanno avuto una recidiva durante la gravidanza o con più di due ricadute nei due anni precedenti”, spiega Clare Taylordel Kings College di Londra, autrice principale dello studio.

Lo studio. Il team ha ricavato i dati da un operatore del servizio sanitario nazionale che fornisce molti servizi, tra cui assistenza sanitaria mentale e assistenza perinatale, a una popolazione di 1,2 milioni di persone a Londra.La malattia mentale è stata categorizzata come affettiva (disturbo affettivo bipolare, depressione psicotica e precedente psicosi postpartum) o non affettiva (schizofrenia, disturbi deliranti, psicosi acute e transitorie, disturbi schizoaffettivi e altre psicosi non organiche).Complessivamente, 396 donne con una storia di gravi malattie mentali hanno avuto 452 gravidanze tra il 2007 e il 2011. Sono state registrate 128 recidive (il 28,3%) nei primi tre mesi dopo il parto, circa due terzi nel primo mese. Inoltre, 89 donne sono state ammesse a cure psichiatriche acute durante la gravidanza e 42 di queste ne hanno fatto ricorso anche dopo il parto.

Il fumo è stato associato alle recidive e donne con una psicosi affettiva

ampiamente diagnosticata avevano maggiori probabilità di ricaduta prima del parto.Non è stato evidenziato alcun legame tra l’uso di farmaci nel terzo trimestre di gravidanza e il rischio di recidiva postpartum. Questo ultimo dato ha sorpreso i ricercatori: “Altri lavori su donne con disturbo bipolare hanno evidenziato la capacità preventiva dei farmaci assunti in gravidanza nei confronti della recidiva postpartum – osservaTaylor – La nostra coorte conteneva un gruppo eterogeneo di donne con grandi differenze nella gravità delle loro malattie psichiche, quindi l’effetto del farmaco e la malattia psichiatrica non possono essere completamente separati”.

“La prevenzione delle recidive è di grande importanza – conclude Taylor – un attento monitoraggio delle donne con una storia di gravi malattie mentali può aiutare a rilevare i primi segni di recidiva e misure come la correzione della terapia farmacologica e il giusto sostegno possono prevenire i ricoveri e le conseguenze più gravi”.

 

fonte Quotidiano Sanità

Scappatella estiva? Ecco come gestire il senso di colpa

Eʼ successo, ma adesso occorre tenere a bada il senso di colpa: ecco qualche suggerimento per alleggerire la coscienza

31 agosto 201805:00

Tradimento: abbiamo sempre pensato che succedesse alle altre, che noi fossimo diverse, che mai avremmo fatto quel che non vorremmo mai fosse fatto a noi. E invece no: complice la vacanza, la lontananzadal nostro lui, un po' (troppa) spensieratezza e il danno è fatto. Ma possiamo provare a perdonarci: in fondo errare è umano! Ecco un piccolo vademecum per evitare di soccombere sotto il peso del senso di colpa.

Può capitare, di scappatella non è mai morto nessuno. Si chiamatradimento occasionale, quello che non ha strascichi, nemmeno il numero di telefono (guai a tenere tracce dei messaggi su Whatsapp!), che ci gratifica perché è stato bello, ma per cui mai e poi mai metteremmo indiscussione il nostro rapporto. Il senso di colpa, però, non svanisce come neve al sole e il peso della coscienza sporca si fa sentire: qui qualche suggerimento per gestirlo al meglio.

Chiediti perché: è la domanda del secolo, ma del resto effettivamente come non chiederselo? Tanto per cominciare, non è che prima di tradire facciamo troppi ragionamenti: la cosa succede e basta. Che fosse perché avevamo voglia di trasgressione, perché sentivamo la necessità di conferme oppure semplicemente perché quel tipo ci piaceva, il tradimento c'è stato. Amen. Tuttavia, forse forse, a ben vedere qualcosa nella nostra coppia non funziona come dovrebbe: il nostro lui ci trascura, oppure non è generoso tra le lenzuola, oppure ultimamente ci dà un po' troppo per scontate.

Meglio fare chiarezza in noi stesse, perché potrebbe esserci un campanellino d'allarme. Attenzione!

Verità a tutti i costi? essere sincere è fondamentale, anche se a volte il silenzio è da preferire. Lavarci la coscienza confessando i nostri peccati può non essere affatto una buona idea. Rivelare il tradimento renderà più leggero il fardello, ma ovviamente farà soffrire lui. A volte è meglio una mezza verità: raccontiamo quello che di bello ci è successo e sorvoliamo sui particolari che non arricchirebbero di certo il nostro rapporto. Il tempo è una medicina fantastica, tra qualche anno non ci ricorderemo nemmeno più cosa è successo. Tutto scorre, per fortuna.

Abbasso la perfezione: il tradimento ci ha fatto capire quanto possiamo essere imperfette. Un buon motivo per ricordare a noi stesse, prima che agli altri, che sbagliare capita a tutti. Saper perdonare è una virtù straordinaria: usiamola per noi e ricordiamoci di usarla anche e soprattutto con il nostro partner. Prima di metterci su un piedistallo, facciamoci un serio esame di coscienza. Il tradimento può servire a renderci più comprensive e più indulgenti: grandissimi pregi nella vita a due.

Il bicchiere mezzo pieno: ormai è andata, il tradimento si è consumato, quindi non ci resta che capire se questa esperienza ci può tornare utile. Una scappatella occasionale, ad esempio, può darci la scossa per uscire dalla trappola della routine e ricordarci che il nostro lui è quello con cui vogliamo stare e starci bene. A volte il tradimento serve a mettere un po' di pepe tra le lenzuola: la fantasia e le armi di seduzione non ci mancano di sicuro. Sì dunque a massaggi e coccole per un incontro col nostro partner ad alto tasso di passione.

FONTE TGCOM

Pagina 14 di 350

Marco Rossi sui Social Network

 

facebook logo detail ios homescreen icon

unnamed pinterest-icon

 

Marco Rossi è Collaboratore di Psicologi Italia

label-psicologo

Marco Rossi è Presidente della Società Italiana di Sessuologia ed Educazione Sessuale

Marco Rossi e il Centro Medicina Sessuale

10177450 644754452262215 609929187 n

 

Marco Rossi su Run Radio

runradio

Mercoledì ore 11,55

Marco Rossi su Radio Deejay

Venerdi ore 19,30

in DeeSera

Impotenza

Istruzioni per l'uso

E' possibile scaricare l'applicazione gratuitamente su iTunes

Eiaculazione Precoce

Istruzioni per l'uso

E' possibile scaricare l'applicazione gratuitamente su iTunes

Cerca nel sito

Acquarelli Erotici

Realismo Idealista a Zagabria

 Acquarelli Erotici

Prossimi Incontri ed Eventi

A Milano presso il Nyx Hotel Milano  martedì 16 ottobre alle 19 si terrà una conferenza esclusiva organizzata da La Chiave di Gaia in collaborazione con il Dottor Marco Rossi sessuologo e psichiatra e la fondatrice e sensual trainer Gaia.

Parleremo di Sessualità 3.0 : cambiamenti e nuove tendenze all’epoca del 3.0 nella donna , nella coppia e non solo.

Come la tecnologia ha cambiato il sesso e la sessualità?

Tecnologia e cambiamenti sociali sono un bene o un male per la sessualità?

La serata è esclusiva con posti limitati e solo su prenotazione!

Sarà a disposizione anche un aperitivo

Per info contattare Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Organizzazione Conferenze Incontri ed Eventi

ORGANIZZAZIONE CONFERENZE INCONTRI ED EVENTI
Il Dott. Marco Rossi ha una lunga esperienza nella organizzazione di eventi e nella partecipazione in qualità di relatore e/o moderatore a conferenze. Le tematiche trattate sono inerenti al singolo, alla coppia, a problematiche sociali e temi culturali riguardanti la sfera dei sentimenti e della sessualità senza mai tralasciare la componente psicologica.

Organizzazione Conferenze Incontri ed Eventi

Go to top