newslogo

Donne e voglia di sesso

Voglia di sesso: è uguale negli uomini e nelle donne? Diciamo subito che non si capisce perché biologicamente le donne dovrebbero avere meno desiderio sessuale degli uomini, come comunemente si ritiene. Di fatto, il desiderio sessuale è scatenato da più fattori: educazione, ormoni, fantasie, sentimenti.
L'ormone che regola il desiderio, è il testosterone, sia per l'uomo che per la donna.
Il testosterone è prodotto dai testicoli nell'uomo, e dalle ovaie nelle donne, e in minima parte, dalla corteccia surrenale di entrambi.
Le donne hanno in genere un tasso più basso di testosterone rispetto a quello degli uomini; questo implica un minor appetito sessuale? Non per forza; il corpo femminile è molto più sensibile al testosterone del corpo maschile, e quindi la differenza viene compensata.
Nell'uomo, il desiderio sessuale si fa strada durante la pubertà, sin dalle prime esperienze di masturbazione. Fino ai 50 anni è molto sviluppato, dopodichè comincia a scemare, complice l'andropausa, una diminuzione del testosterone che provoca un calo della libido.
Nella donna il desiderio nasce un po' più tardi, ma aumenta con il tempo e l'esperienza. La maturità sessuale è intorno ai 35 anni. Quando la donna entra in menopausa, le ovaie generano meno testosterone e il tasso di estrogeni diminuisce. Nonostante i cambiamenti fisici, il desiderio non cala per forza, grazie ai condizionamenti psicologici. A questa età le donne hanno più tempo per pensare a se stesse e alla coppia, e si concedono più momenti dedicati alla sessualità. Per questo la menopausa è complice spesso di un momento di rinascita del desiderio.
La donna però ha un ciclo ormonale che ha effetti sulla sua personalità ed anche sulla sua sessualità. Gli ormoni infatti possono influire moltissimo sul desiderio femminile: nei giorni che precedono l'ovulazione, il suo corpo registra un picco di estrogeni e la sua libido è al massimo (tranne per coloro che assumono contraccettivi ormonali). In compenso, dopo un parto, l'organismo produce della prolattina, un ormone anti-desiderio.
Il desiderio maschile corrisponde a una pulsione, che proviene dall'interno, mentre quello della donna viene più che altro provocato, spesso dalla voglia e l'eccitazione dell'altro, da un contesto favorevole, rilassato ma anche un po' più pericoloso.
A questo non possiamo non aggiungere il fatto che le donne non sono ancora del tutto libere di esprimere il desiderio sessuale, di farlo diventare comportamento, come da sempre fanno gli uomini, e questo porta spesso all'erronea convinzione che il desiderio femminile sia meno intenso di quello maschile.
Di questo sono convinti gli uomini, che secondo alcuni studi vorrebbero aumentare la frequenza dei rapporti sessuali con le mogli del 50% (Ard, 1977), che desidererebbero avere più partner sessuali e rapporti occasionali di quanto desiderino le donne, che si dedicano all'autoerotismo con più frequenza delle donne (Baumeister, 2001), che divengono consapevoli del loro desiderio sessuale prima delle loro coetanee, sebbene siano da queste preceduti nella fase puberale, che preferirebbero avere una maggiore varietà di pratiche sessuali rispetto alle rappresentanti del gentil sesso (Laumann, 1994).
D'altro canto l'astinenza sessuale sembra essere più facile per le donne che per gli uomini.
A voi quindi trarre le conclusioni, nei fatti. fonte style.it

Coppia all'antica fa più sesso

Lui lavora, lei si occupa della casa e dei figli. Insomma: una coppia in cui i ruoli sono tradizionali e all´antica. Un cliché superato e perdente? Tutt´altro, almeno in fatto di sesso. Sì, perché sarebbe proprio questo tipo di coppie ad avere il primato delle prestazioni sessuali, rispetto ai partner più moderni, che lavorano entrambi e sono sempre molto impegnati. Lo sostiene una ricerca condotta negli Stati Uniti della University of Washington, pubblicata sulla rivista scientifica "American Sociological Review".

Gli studi

Da studi precedenti risultava che alcuni mariti facessero più sesso quanto più si dedicavano alle faccende domestiche. E secondo gli scienziati ciò poteva significare che gli uomini usavano il sesso come "merce di scambio" per occuparsi di queste mansioni.

Secondo il nuovo studio, invece, il sesso è l´esatto opposto, qualcosa legato ai ruoli che i partner si sono dati all´interno della coppia. Le coppie che seguono ruoli di genere tradizionale, con le mogli che fanno le pulizie, si dedicano alla cucina e allo shopping, mentre gli uomini che curano il giardino, pagano le bollette e sistemano l´auto, hanno riferito una maggiore frequenza di rapporti sessuali. Guarda il video

La ricerca ha coinvolto 4500 coppie eterosessuali con età media del marito di 45 anni e della moglie di 44. Nelle coppie in cui c´erano ruoli non tradizionali, c´erano rapporti sessuali circa cinque volte al mese. In quelle in cui i ruoli erano di impostazione più classica, i rapporti sessuali avevano una frequenza mensile 1,6 volte superiore.

Il rapporto tra ruolo familiare e sesso

"In particolare, sembra che le identità di genere di mariti e mogli si esprima attraverso le cose che fanno in casa e questo potrebbe anche contribuire a strutturare il comportamento sessuale", ha spiegato Julie Brines, autrice dello studio.

La casistica rientra nel grande capitolo dei "Misteri della vita a due" indagati dal guru della coppia John Gray che. intervistato da Staibene.it afferma: "Da cinquant´anni a questa parte, una fonte importante di stress è costituita da

dal cambiamento dei ruoli femminile e maschile."

Annullamento batte divorzio

Divorzi: gli italiani preferiscono la Sacra Rota

Complice la crisi economica, sono in aumento le richieste di annullamento del matrimonio presso i Tribunali ecclesiastici

07:00 - Negli ultimi 3 anni una coppia su quattro ha chiesto l'annullamento alla Sacra Rota per sciogliere il vincolo matrimoniale, con un aumento che è arrivato al 30% (dati FamilyLegal). Ancora una volta è la crisi economica a modificare le abitudini degli italiani, ma anche i tempi biblici della giustizia fanno la loro parte. I costi per annullare il matrimonio al tribunale ecclesiastico sono più contenuti di quello civile, addirittura il risparmio è garantito da una normativa della Conferenza episcopale italiana. E per chi non può permetterselo c'è a disposizione il gratuito patrocinio.

Non sono solo i costi delle pratiche di separazione a pesare sulla scelta, ma la sostanziale differenza tra un annullamento di matrimonio alla Sacra Rota e un divorzio civile, motivi sempre di natura economica. Con il tribunale ecclesiastico il matrimonio non è mai esistito: con la sentenza di nullità i coniugi non hanno più alcun tipo di legame economico, il che elimina i diritti e doveri di mantenimento del coniuge e le aspettative successorie. Con la separazione civile, invece, rimangono i doveri di mantenimento da parte del coniuge economicamente più forte verso quello più debole.

Ma per richiedere l'annullamento del matrimonio alla Sacra Rota ci devono essere delle motivazioni ben precise definite dalla dottrina cattolica. Secondo la Chiesa infatti il matrimonio è uno e inscindibile e non è annullabile, a meno che non si dimostrino precise cause di nullità. Come l'incapacità, sia per l'uomo che per la donna, di porre in essere l'atto sessuale, quindi l'impotenza.

Oppure l'incapacità per insufficiente uso di ragione, che può avvenire a causa di assunzione di farmaci, alcool e sostanze stupefacenti. Anche l'incapacità per cause di natura psichica e il dolo, ossia un vero e proprio inganno che viene ordito nei confronti del partner per estorcere il consenso nuziale, sono validi motivi di annullamento.
Insomma, risparmiare è possibile, ma a patto di fornire almeno una prova di nullità! fonte tgcom

 

Pagina 323 di 353

Marco Rossi sui Social Network

 

facebook logo detail ios homescreen icon

unnamed pinterest-icon

 

Marco Rossi è Collaboratore di Psicologi Italia

label-psicologo

Marco Rossi è Presidente della Società Italiana di Sessuologia ed Educazione Sessuale

Marco Rossi e il Centro Medicina Sessuale

10177450 644754452262215 609929187 n

 

Marco Rossi su Run Radio

runradio

Mercoledì ore 11,55

Marco Rossi su Radio Deejay

Venerdi ore 19,30

in DeeSera

Impotenza

Istruzioni per l'uso

E' possibile scaricare l'applicazione gratuitamente su iTunes

Eiaculazione Precoce

Istruzioni per l'uso

E' possibile scaricare l'applicazione gratuitamente su iTunes

Cerca nel sito

Acquarelli Erotici

Realismo Idealista a Zagabria

 Acquarelli Erotici

Prossimi Incontri ed Eventi

A Milano presso il Nyx Hotel Milano  martedì 16 ottobre alle 19 si terrà una conferenza esclusiva organizzata da La Chiave di Gaia in collaborazione con il Dottor Marco Rossi sessuologo e psichiatra e la fondatrice e sensual trainer Gaia.

Parleremo di Sessualità 3.0 : cambiamenti e nuove tendenze all’epoca del 3.0 nella donna , nella coppia e non solo.

Come la tecnologia ha cambiato il sesso e la sessualità?

Tecnologia e cambiamenti sociali sono un bene o un male per la sessualità?

La serata è esclusiva con posti limitati e solo su prenotazione!

Sarà a disposizione anche un aperitivo

Per info contattare Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Organizzazione Conferenze Incontri ed Eventi

ORGANIZZAZIONE CONFERENZE INCONTRI ED EVENTI
Il Dott. Marco Rossi ha una lunga esperienza nella organizzazione di eventi e nella partecipazione in qualità di relatore e/o moderatore a conferenze. Le tematiche trattate sono inerenti al singolo, alla coppia, a problematiche sociali e temi culturali riguardanti la sfera dei sentimenti e della sessualità senza mai tralasciare la componente psicologica.

Organizzazione Conferenze Incontri ed Eventi

Go to top