newslogo

Orgasmo del cervello

Orgasmo del cervello, l’ultima moda impazza sul web. Un vero e proprio fenomeno virale che a detta di molti farebbe sperimentare delle sensazioni oltremodo piacevoli, addirittura paragonabili all’orgasmo. Si tratta del cosiddetto ASMR, piacevole sensazione di formicolio accompagnata da un completo rilassamento mentale suscitata da stimoli uditivi ma anche tattili o visivi. Non una banale moda ma un fenomeno reale che secondo gli scienziati potrebbe mettere fine ad ansia e stress.

ASMR, l’orgasmo del cervello

Il cosiddetto ASMR, Autonomous Sensory Meridian Response, è un piacere che non si raggiunge facendo l’amore ma ascoltando suoni, sussurri, fruscii che favorirebbero uno stato di rilassamento completo a tutto beneficio della salute psicofisica. Potrebbe sembrare una trovata new age senza fondamento, una moda virale destinata a una fine ingloriosa, una delle tante terapie del relax spacciate per miracolose, ma a detta della scienza l’ASMR funzionerebbe davvero. Per verificarne l’attendibilità esperti internazionali hanno iniziato ad interrogarsi seriamente sul fenomeno studiandone gli effetti concreti sulla psiche.

Karissa Ann Burgess, dottoranda affascinata dall’argomento, ha dichiarato che “la dopamina potrebbe essere coinvolta e la serotonina, che sono ormoni del benessere… ci sono anche alcune teorie interessanti che dicono che l’ASMR potrebbe essere una sorta di fenomeno che stimola il rilascio di ossitocina”. D’altra parte il neuroscienziato e assistente professore presso la Yale University School of Medicine, Steven Novella, sostiene che “potrebbe trattarsi di una specie di crisi, le convulsioni possono a volte essere piacevoli e essere innescate anche da questo genere di cose. Oppure potrebbero essere semplicemente un modo per attivare la risposta di piacere.”

L’ASMR impazza su Youtube

E’ sufficiente cliccare la sigla ASMR su Youtube per sperimentarne di persona gli effetti. Dal 2009 sono stati caricati oltre 2 milioni di video che ritraggono principalmente giovani donne intente a sussurrare parole, giocherellare con qualche oggetto, accarezzare lo schermo con morbidi guanti, pettinarsi, toccare chicchi di caffè. Nulla di erotico, perlomeno non come lo intendiamo normalmente, eppure le voci e i rumori appena accennati, solitamente monotoni, risultano quasi ipnotici e in qualche modo eccitanti. L’ASMR è un brivido che dalla testa si estende a tutto il corpo, assimilabile alla sensazione che capita di provare durante una seduta dal parrucchiere, un orgasmo del cervello che ha a che vedere con il relax piuttosto che con il punto C e il punto G, ovvero il piacere comunemente inteso.

Uomo abbronzato sempre piaciuto

Brutti, sporchi e cattivi? Belli e "maledetti"? Gli uomini così non piacciono più. O meglio, sono stati via via soppiantati da un ideale di maschio ben diverso dal classico "macho", si avviano verso un declino inesorabile. Oggi la donna si sente più attratta dall´aspetto sano, pulito. Il bell´aspetto viene dal colorito gradevole, l´aria salutare, il viso e un corpo che trasudano benessere da ogni poro.

La fotografia dell´uomo seducente per antonomasia arriva da uno studio realizzato da un pool di ricercatori inglesi, coordinato da Ian Stephen della Scuola di Psicologia presso l´Università di Nottingham Malaysia Campus, e pubblicato sulla rivista scientifica "Evolution and Human Behaviour"

Lo studio

L´aspetto fisico resta determinante, nella valutazione della donna. Ma prima ancora di qualunque altro criterio di giudizio, le serve a capire se una persona sta bene. Dalla ricerca è emerso che per una donna quello che conta è la pelle del viso, che spesso è uno dei sintomi più attendibili di buona salute.

I ricercatori hanno coinvolto un gruppo di 62 donne, denominato per l´occasione "Face Perception Group", composto da 30 di colore e 32 di razza bianca. Ai campioni femminili hanno mostrato le fotografie di 34 uomini bianchi e 41 di colore. Per l´occasione è stata utilizzata una nuova tecnica computerizzata chiamata "Geometric Morphometric Methods, specifica per misurare in modo matematico le fattezze maschili, attribuire un punteggio in base alla mascolinità ricavata dal software e confrontarla con un campione analogo femminile.

I risultati

Il primo dato evidente è stata la preferenza delle donne per gli uomini, indifferentemente se bianchi o di colore, che avessero una pigmentazione ambrata, color oro. Una tonalità di pelle, secondo i ricercatori, collegata a uno stato di salute sano. E questo fattore è determinante per l´attrazione, visto che in maniera inconscia è legato al concetto di evoluzione che permette di individuare i soggetti più adatti per la continuità della specie. Un bel colorito garantisce una buona salute ed è dovuto principalmente a un´alimentazione ricca di carotenoidi, presenti nella frutta e nelle verdura, dalle caratteristiche antiossidanti e protettive nei confronti del sistema immunitario.

Al contrario, l´espressione da macho ha inciso pochissimo sulla capacità di attrazione. fonte staibene

Amore e sesso ci pensa lo smartphone

L’amore ha le sue leggi e i suoi segreti, ma cercare l’anima gemella con un’app richiede qualche accortezza in più. E una disposizione d’animo aperta a tutte le possibilità: una serata divertente, una notte indimenticabile, la storia di una vita, ma pure delusioni, imbarazzi, risate. L’amore al tempo delle app ha una sola regola da non dimenticare: l’arma di seduzione può essere uno smartphone o un sorriso, ma il buonsenso serve sempre. Quindi, no agli appuntamenti in luoghi isolati, specie la prima volta, chiarezza nelle intenzioni, attenzione alle aspettative esagerate.  

Non c’è bisogno di essere esperti di tecnologia, e volendo non serve nemmeno un programma apposta: basta Facebook, a spulciare tra gli amici degli amici si trova sempre qualche sorpresa. Identificato l’obiettivo, passate in rassegna foto e informazioni personali (ma non tutti permettono che siano visibili all’intera comunità) basta chiedere l’amicizia. Considerato il contatto in comune sarà facile che la richiesta venga accettata; poi si comincia a chattare e il resto viene da sé (o magari no). Il vantaggio più evidente è che su Facebook è difficile mentire: le foto, i like e gli status sono un ritratto abbastanza fedele di chi c’è dall’altra parte dello schermo.  

Da considerare anche un uso obliquo di Instagram: basta mettere una parola chiave (ad esempio una città, oppure una caratteristica fisica) e scorrere le foto. Si segue chi ha scattato quelle più interessanti, si avvia una conversazione via chat e poi chissà. Instagram è il regno dei selfie, quindi attenzione a chi posta solo foto dei suoi addominali: il rischio narcisismo è altissimo.  

Per le app da scaricare e installare su smartphone, la scelta è ampia e articolata. L’ultima novità è Tinder: ci si iscrive via Facebook (ma una schermata avvisa subito che nessuno dei vostri amici lo saprà), poi si sceglie il sesso del partner e il raggio di ricerca. L’app mostrerà una serie di volti, con età e interessi, come un mazzo di carte: spostandoli verso sinistra li si ignora, a destra si avvia una chat. Semplice ed elegante nell’interfaccia, Tinder è gratuito, disponibile per iPhone o Android. Ottimo, ci dice l’esperto, per agganciare turisti di passaggio, specie se etero. Per chi è gay, invece, c’è Grindr (anche per Blackberry), poco adatto agli incontri romantici e più indicato per concludere subito: fondamentale la scelta del nickname e della foto, altre indicazioni si ricavano dalla scheda personale. Chat ridotta al minimo, ma la geolocalizzazione aiuta a capire la distanza dalla preda: può anche essere il vicino di casa. Le funzioni di base sono gratuite, e pagando si possono sbloccare filtri e opzioni avanzate. Le ragazze che cercano ragazze faranno bene a provare Brenda.  

Grandi classici del dating online sono OkCupid, Zoosk, Badoo, dove l’offerta è vastissima, e va dagli incontri romantici alle serate trasgressive (ma attenzione, c’è anche chi si fa pagare). Tra le app emergenti in Italia segnaliamo Blendr (nata due anni fa, ora usa lo stesso network di Badoo) e Pure, indicata per chi non ha voglia di perdersi in chiacchiere. Su Snapchat l’età si abbassa e le foto diventano più esplicite, anche perché dopo qualche secondo testi e immagini scompaiono. Divertente, ma si conclude poco.  

Se poi da una di queste app la conversazione si sposta su Whatsapp, ormai è fatta. Allora meglio vedersi il prima possibile (il nostro esperto suggerisce un gelato anziché una cena, si spende meno e non si rischia di rimanere bloccati per un’ora a parlare di argomenti poco interessanti). Se il/la partner è straniero/a, può tornare utile Google Traduttore (per iOs e Android), che fa da interprete simultaneo e discreto in oltre 40 lingue.  

E ora esiste un’app anche per quando non c’è più niente da dirsi. Somebody funziona così: si digita il messaggio da recapitare all’(ex) partner, di una notte o di una vita, un amico comune provvederà a consegnarlo. Sembra un’idea da film, e infatti c’è: diretto dalla regista americana Miranda July, è stato appena presentato alla Mostra del Cinema di Venezia.  

Pagina 324 di 350

Marco Rossi sui Social Network

 

facebook logo detail ios homescreen icon

unnamed pinterest-icon

 

Marco Rossi è Collaboratore di Psicologi Italia

label-psicologo

Marco Rossi è Presidente della Società Italiana di Sessuologia ed Educazione Sessuale

Marco Rossi e il Centro Medicina Sessuale

10177450 644754452262215 609929187 n

 

Marco Rossi su Run Radio

runradio

Mercoledì ore 11,55

Marco Rossi su Radio Deejay

Venerdi ore 19,30

in DeeSera

Impotenza

Istruzioni per l'uso

E' possibile scaricare l'applicazione gratuitamente su iTunes

Eiaculazione Precoce

Istruzioni per l'uso

E' possibile scaricare l'applicazione gratuitamente su iTunes

Cerca nel sito

Acquarelli Erotici

Realismo Idealista a Zagabria

 Acquarelli Erotici

Prossimi Incontri ed Eventi

A Milano presso il Nyx Hotel Milano  martedì 16 ottobre alle 19 si terrà una conferenza esclusiva organizzata da La Chiave di Gaia in collaborazione con il Dottor Marco Rossi sessuologo e psichiatra e la fondatrice e sensual trainer Gaia.

Parleremo di Sessualità 3.0 : cambiamenti e nuove tendenze all’epoca del 3.0 nella donna , nella coppia e non solo.

Come la tecnologia ha cambiato il sesso e la sessualità?

Tecnologia e cambiamenti sociali sono un bene o un male per la sessualità?

La serata è esclusiva con posti limitati e solo su prenotazione!

Sarà a disposizione anche un aperitivo

Per info contattare Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Organizzazione Conferenze Incontri ed Eventi

ORGANIZZAZIONE CONFERENZE INCONTRI ED EVENTI
Il Dott. Marco Rossi ha una lunga esperienza nella organizzazione di eventi e nella partecipazione in qualità di relatore e/o moderatore a conferenze. Le tematiche trattate sono inerenti al singolo, alla coppia, a problematiche sociali e temi culturali riguardanti la sfera dei sentimenti e della sessualità senza mai tralasciare la componente psicologica.

Organizzazione Conferenze Incontri ed Eventi

Go to top