newslogo

Seduzione maschile in spiaggia

L’"abbordatore italiano da spiaggia”: sette ragazze su dieci lo bocciano

Sotto l’ombrellone hai incontrato un orso o un pavone? Scopri se sei stata fortunata

12:32 - Si fingono intellettuali dell’ultim’ora, ci provano con una ragazza anche sotto il naso del suo partner, la invitano a prendere un gelato vicino alla spiaggia dimenticandosi, però, di offrire. Sono le donne a essere troppo esigenti o i maschi latin lover da spiaggia davvero non sono più all’altezza della loro fama? Tutte e due le cose: le gaffes al maschile si sprecano, ma le ragazze non accettano più di passarci sopra..

Secondo uno studio promosso da Maxibon Motta, condotto su circa 800 tra ragazzi e ragazze italiane tra i 18 ed i 30 anni, sono quasi 7 giovani su 10 (67%) a dichiarare che è tramontata l’era del latin lover italiano: è soprattutto il gentil sesso a bocciare i coetanei all’ "abbordaggio". I motivi? Comportamenti infantili (34%), il tentativo di costruirsi un personaggio raccontando un sacco di bugie (26%) ed eccesso di confidenza (22%) sono le cause che infastidiscono di più. Gli errori più comuni? Non accorgersi che la propria “preda” è già impegnata (34%), impostare la discussione su discorsi troppo complicati o noiosi (26%), proporre di prendere qualcosa al bar e “dimenticarsi” di passare alla cassa (21%).

Come avviene il primo approccio?- La maggioranza (45%) agisce istintivamente, cercando di scambiare qualche parola con la propria “preda” senza particolari strategie. Il 34%, invece, punta sull’impatto fisico: si cerca di catturare l’attenzione della ragazza con un fisico scolpito e con ammiccanti giochi di sguardi e sorrisi. I più giudiziosi (22%) preferiscono attrarre con discrezione, aspettando un segnale di disponibilità da parte del gentil sesso, spingendosi all’assalto solo in un secondo momento. Di cosa parlano? - Il 34% cerca di capire subito gli interessi in comune, mentre il 25% cerca di far colpo con argomenti impegnativi, tra cui la cultura e gli ultimi libri letti. Alcuni, invece, dopo essersi presentati, propongono un classico gioco da spiaggia, mentre solo il 16% non attua nessuna particolare azione e punta sulla propria personalità, senza essere troppo strategico.
Quali sono le “gaffes da spiaggia” più comuni? - La più classica (34%) è quella di non accorgersi che la ragazza alla quale si sta puntando è già impegnata. Altro errore clamoroso è quello di fingersi falso intellettuale (26%): ad esempio fingere di aver letto tutti i capolavori della letteratura classica e il già citato esercizio di avarizia al bar (21% del campione). Ma dà fastidio anche l’amico che a volte, fa da spalla al’”abbordatore”: secondo una ragazza su 3, infatti, spesso è proprio questo assistente a complicare le cose con la sua goffaggine e incapacità di “reggere il gioco” all’amico.
Ma gli “abbordatori” non sono tutti dello stesso tipo. Ecco le tipologie più diffuse: 
IL PAVONE: come questo uccello fa la ruota per attirare l’attenzione della sua femmina, così questo tipo di abbordatore da spiaggia sfoggia il meglio del suo repertorio estetico per attirare il gentil sesso.
LA TIGRE: aggressivo e sicuro di sé, questo tipo di maschione si affida completamente all’istinto e va all’attacco senza indugio: non aspetta neppure il momento giusto: appena l’avvista, salta addosso alla preda.
L’AGNELLO: apparentemente tenero e dolce come un agnellino, questo altro tipo da spiaggia preferisce affascinare con discrezione, aspettando la prima mossa da parte della preda e basandosi in seguito un approccio soft. .
L’ ORSO: tenero sì, ma anche un po’ goffo e impacciato quando c’è da passare all’azione. E’ vero che la naturalezza paga e alle ragazze l’”effetto peluche” può piacere, ma un minimo di strategia può aiutare.

Fonte Tgcom 

Ritornare con ex si o no

Coppia: tornare con l’ex, sì o no?

La risposta è solo nostra, e dipende da quanto siamo sicuri di noi stessi

07:00 - È un classico: vi siete lasciati da qualche tempo, le ferite sono guarite, vi sentite un po’ soli e vi balena in mente di tornare con il vostro ex-partner. Dopo tutto, non stavate poi tanto male insieme. Se si aggiunge un incontro inaspettato, anche solo su whatsapp, la questione “torno-non-torno” si trasforma in un dubbio amletico.

Eppure, in teoria solo il 45% dei single tornerebbe con l’ex, in linea con il detto “la minestra riscaldata non è mai troppo buona”: lo rivela un sondaggio condotto dall’agenzia matrimoniale Eliana Monti. Le donne inoltre sarebbero meno disposte degli uomini a riallacciare una vecchia relazione, perché di solito non lasciano a cuor leggero. Quando la decisione è presa, spesso si tratta di una chiusura definitiva, e non di un colpo di testa dettato dall'emotività.

Gli uomini, dal canto loro, sono più disponibili a tornare con l’ex, e solo il 41% lo esclude a priori. Quindi, se è lui a a tentare un riavvicinamento, è probabile che ci sia sotto qualcosa, che si tratti di una frequentazione senza impegno o di una relazione seria. Ma perché tornare insieme?

Escludendo i casi in cui le rotture sono state determinate da tradimenti (nessuno vorrebbe per la seconda volta un partner infedele), non importa più chi ha lasciato chi. Dopo un po’ di tempo, a quanto risulta dal sondaggio, l’orgoglio passa in secondo piano e si dimentica i momenti negativi, sempre se il sentimento è stato autentico.

Per capire se tornare con l’ex è una mossa giusta, basta rispondere sinceramente alla domanda se il “ritorno” è un modo per accontentarsi. Se la risposta è no, e nonostante tutto provi ancora qualcosa per il tuo ex, e tra voi è finita perché forse non era il momento giusto per stare insieme... perché no?

Al contrario, se a spingerti tra le sue braccia sono le vocine che ti dicono "quando lo trovo un altro così", "alla fine non stavamo poi così male insieme", o "almeno a lui non importava se mettevo il pigiamone con i pinguini", forse pensi di non meritarti di meglio o che non troverai mai l'anima gemella. Più che di un ex fidanzato che finirebbe per compensare le tue insicurezze, hai bisogno di aumentare la tua autostima. Meglio dare un taglio definitivo al passato e guardarsi intorno, senza essere impazienti: a volte essere single può essere un momento in cui fare chiarezza tra i propri desideri e mettersi alla prova, un periodo di straordinaria crescita personale, necessario a trovare un nuovo amore. Più grande e maturo, più felice, di qualsiasi altro. Insomma: il bello deve ancora venire fonte TGCOM

Le origini del vibratore

Ancora oggi il vibratore è considerato un oggetto da sex shop che se cade da una borsetta o spunta fuori da una valigia all'aeroporto genera sempre un qualche imbarazzo e molti sorrisetti ammiccanti. E questo perchè il sex toy per eccellenza è considerato oggi l'oggetto di piacere femminile al quale si ricorre se l'uomo non c'è o la donna non lo vuole. E perchè la pornografia se n'è appropriato facendone uno strumento a volte più di tortura che di piacere.

Ma il vibratore ha un quarto di nobiltà, una origine aristocratica che non tutti conoscono e che ha a che fare molto con la salute, soprattutto mentale della donna.

Non era infatti il piacere femminile a interessare, nel 1880, l'inventore del vibratore. Ma la cura dell'isteria. Le donne frigide, infatti, fin dall'antichità, sono state considerate malate e l'isteria, diagnosticata come malattia cronica comune, veniva attribuita proprio all'insoddisfazione sessuale.


A ripercorre la storia degli strumenti di piacere femminili è la studiosa americana Rachel Maines nel libro "Tecnologia dell'orgasmo".Il vibratore nacque e si diffuse a scopi terapeutici. Venne infatti concepito come l'ultima di una lunga serie di soluzioni per i disturbi psichici delle donne.


Dai tempi di Ippocrate fino agli anni Venti, provocare l'orgasmo alle pazienti isteriche era una prassi normale e diffusa in tutto l'Occidente.

"La richiesta di questo tipo di cure - scrive l'autrice - nasceva da due ordini di motivi: il divieto della masturbazione femminile, considerata lasciva e potenzialmente nociva per la salute e il fatto che la maggior parte delle donne non aveva rapporti regolari e soddisfacenti". Prima di diventare un oggetto da sex-shop, il vibratore veniva venduto nelle farmacie e utilizzato solo dal medico. Già dal 1880 iniziò una produzione di diversi modelli, dai più economici fino al Chattanooga, una vera e propria macchina che costava , nel 1909, ben 200 dollari.


Nella seconda metà dell’Ottocento in Inghilterra quando rispettabili medici vittoriani si sentono esausti di portare le pazienti di sesso femminile all’orgasmo, o meglio al ‘parossismo isterico’ (il che è molto diverso non dimentichiamolo), usando soltanto le dita e per questo motivo iniziano a immaginare un dispositivo per massaggiare la zona pelvica al posto loro.

Oggetti di forma fallica venivano usati nelle pratiche sessuali già dall’antica Grecia, ma il primo oggetto vibrante per la stimolazione clitoridea nacque in Francia nel 1734. Si chiamava “tremoussoir” e, con un meccanismo a molla, curava le donne affette da isteria. Nonostante questa invenzione, evidentemente poco pratica, i medici continuarono ad usare le mani con conseguenti dolori alle dita e ai polsi dovuti alla lunghezza del trattamento.

Fu soltanto dopo oltre un secolo che i medici trovarono un valido aiuto nel trattamento contro l’isteria.

Nel 1869, George Taylor, un fisico statunitense, inventò il “manipulator”: un tavolo a cui era collegata una sfera che esercitava la stimolazione della clitoride e che veniva avviata da un macchinario a vapore. Il manipulator divenne uno strumento comune tra i medici insieme alla “doccia pelvica” ovvero un forte getto d’acqua indirizzato verso i genitali della paziente.

Con l’arrivo, nel 1899, del primo vibratore a batteria furono inventati e commercializzati circa un centinaio di diversi oggetti, i quali, in questo periodo, venivano acquistati soprattutto dai medici per la cura delle pazienti. L’invenzione del vibratore è stata considerata infatti fin dal principio come un normale strumento medico, non meno rispettabile di uno stetoscopio.

Ma torniamo ai primi esempi di vibratori. Prima di quelli con le batterie, i primi esemplari venivano alimentati da un generatore grande con un frigorifero e, ovviamente, era disponibile solo in ambulatori medici e poteva essere gestito solo da esperti.

Quando l’elettricità cominciò a diffondersi, nacquero versioni più piccole e portatili di vibratori, simili ad asciugacapelli. All’inizio del Novecento, oltre 50 varietà di vibratori erano disponibili sul mercato.


Fino agli anni venti del Novecento, il vibratore, o ‘massaggiatore’ come era chiamato, ha goduto di una popolarità di tutto rispetto alimentata da una forte pubblicità nelle riviste per signore.

Slogan li descrivevano come ‘deliziosi compagni’, qualcuno prometteva ‘tutto il piacere della gioventù vibrerà dentro di voi’. I vibratori venivano venduti al pari di altri innocui apparecchi elettrici domestici.


A quanto pare, all’inizio del secolo scorso le signore benestanti godevano di una certa libertà nell’usare strumenti di piacere a proprio… piacimento e vantaggio. Questa idea è rafforzata da un certo linguaggio di cui abbiamo tracce nelle riviste del tempo in cui si insinuano, senza pudore, consigli sui migliori ‘massaggiatori penetranti garantiti per creare un desiderio irresistibile in ogni donna’.Il discreto velo del decoro medico sopravvisse fino alla fine degli anni ’20 quando gli oggetti così tanto desiderati dalle donne iniziarono a comparire nei primi film pornografici. Fu così che il pubblico educato gridò allo scandalo e il vibratore entrò definitivamente tra gli oggetti tabù del Novecento.


Ma la storia del vibratore non finisce qui, dopo circa mezzo secolo, intorno agli anni ’60, l’oggetto del piacere ritorna come un giocattolo sessuale piuttosto audace. Secondo ‘il Rapporto Hite’, l’indagine della famosa femminista americana Shere Hite sul comportamento sessuale delle donne americane, negli anni ‘70 solo l’1% di donne ne aveva usato uno.


Questo è stato un dato importante, considerando che la maggior parte dei vibratori degli anni della cosiddetta ‘liberazione sessuale’ sono stati modellati su una nozione molto maschile di ciò che una donna vorrebbe, un fallo di grande taglia, replicante, in altre parole, dell’anatomia su cui c’era la “carenza”.

A differenza di oggi in cui viene prestata finalmente la giusta attenzione alla sessualità e all’anatomia femminile.


Infine, colpo di scena: negli ultimi 15 anni il vibratore ha subito una sorta di rinascita. È ritornato con l’invenzione del ‘Coniglio Rampante’ a metà degli anni ‘90, reso popolare dalla sua apparizione in Sex and the city nel 1998, un modello particolare perchè dispone di uno stimolatore clitorideo.


L’avvento dello shopping online ha anche contribuito ad incrementare le vendite da quando il marchio Ann Summers è andato online nel 1999, il negozio ha venduto un milione di conigli in 12 mesi e il fatturato annuo nel Regno Unito continua a superare quello delle lavatrici e delle asciugatrici combinate. Ispirato dal suo successo, altri produttori hanno progettato modelli che prestano maggiore attenzione all’anatomia femminile piuttosto che per quella maschile.
Non è così sorprendente che un sondaggio del 2009 americano ha rilevato che oltre il 50% delle donne aveva usato un vibratore almeno una volta nella loro vita fonte Staibene.it

Pagina 325 di 330

Marco Rossi sui Social Network

 

facebook logo detail ios homescreen icon

unnamed pinterest-icon

 

Marco Rossi è Collaboratore di Psicologi Italia

label-psicologo

Marco Rossi è Presidente della Società Italiana di Sessuologia ed Educazione Sessuale

Marco Rossi e il Centro Medicina Sessuale

10177450 644754452262215 609929187 n

 

Marco Rossi su Run Radio

runradio

mercoledi ore 11,55

Marco Rossi su Radio M2O

IMG 0307

Venerdi ore 9,15

Impotenza

Istruzioni per l'uso

E' possibile scaricare l'applicazione gratuitamente su iTunes

Eiaculazione Precoce

Istruzioni per l'uso

E' possibile scaricare l'applicazione gratuitamente su iTunes

Cerca nel sito

Acquarelli Erotici

Realismo Idealista a Zagabria

 Acquarelli Erotici

Prossimi Incontri ed Eventi

Giovedì 13 Aprile, il Dott. Rossi parteciperà all'inaugurazione della mostra DRAWJOB L’eros spiegato da 22 illustratori, 6 scrittrici, 2 esperti e 1 film, presso Spazio Tapirulan
Corso XX Settembre 22, Cremona

info a questo LINK 

------------------------

Martedì 9 Maggio,  presso l’elegantissimo Chervò Golf Hotel spa & resort San Vigilio in località Pozzolengo  (a 5  min dall’uscita autostrada di Sirmione , BS), il Dott. Rossi terrà un incontro, con apericena, dal titolo EROS SENZA TABU' UN PERCORSO VERSO IL PIACERE. L'incontro, realizzato in collaborazione con La Chiave di Gaiasi pone come obiettivo quello di stimolare, interagire, incuriosire, informare ed arricchire la conoscenza verso l’argomento Eros senza Tabù . Per info e iscrizioni seguite questo link

 

 

Organizzazione Conferenze Incontri ed Eventi

ORGANIZZAZIONE CONFERENZE INCONTRI ED EVENTI
Il Dott. Marco Rossi ha una lunga esperienza nella organizzazione di eventi e nella partecipazione in qualità di relatore e/o moderatore a conferenze. Le tematiche trattate sono inerenti al singolo, alla coppia, a problematiche sociali e temi culturali riguardanti la sfera dei sentimenti e della sessualità senza mai tralasciare la componente psicologica.

Organizzazione Conferenze Incontri ed Eventi

Go to top