newslogo

Contraccettivi più usati in estate

Non c’è dubbio è durante l’estate che si risvegliano i “sensi” degli italiani, anche perché in questo periodo c’è maggior tempo libero a disposizione e si è meno stressati dai ritmi di lavoro. E di conseguenza si fa più sesso.

Lo confermano diversi studi e sondaggi. Tra questi ultimi, c’è per esempio quello che tempo fa realizzò Demoskopea per Organon Italia, secondo cui per il 60% delle donne e il 66% degli uomini in estate aumenta sensibilmente l´attività sessuale. La ricerca, condotta su un campione di 983 italiani (50% uomini e 50% donne), di età compresa tra i 18 e i 44 anni, aveva stabilito che a sentire maggiormente il richiamo del sesso sono, ennesima conferma dei più triti luoghi comuni, gli uomini (57%), in particolare quelli tra i 25 e i 34 anni, rispetto al 44% delle donne.

I contraccettivi più usati

Ma se in estate gli italiani sono più inclini ad avere esperienze sessuali, qual è l’attenzione che rivolgono alla contraccezione? Se più della metà degli intervistati (59%) è concorde nell´affermare che durante le vacanze aumenta l´uso dei contraccettivi, per il 32% la scelta di quale metodo anticoncezionale adottare rimane una scelta affidata alla donna. E nella graduatoria dei contraccettivi più utilizzati, al primo posto si attesta il preservativo (59%), seguito dalla pillola (31%) e dall´anello (7%).

In particolare per i giovani tra i 18 e i 24 anni il più popolare è il preservativo, mentre i metodi contraccettivi più recenti, come l´anello, hanno successo fra le donne dai 25 ai 34 anni, residenti nel Nord ovest, single e con un buon livello di studi.

“L´anello contraccettivo”, spiega Rosella Nappi, ginecologo dell´Università di Pavia, “è un metodo che ben si adatta alle esigenze estive, soprattutto quando i viaggi e il fuso orario modificano le nostre abitudini: si inserisce una sola volta al mese e rilascia in modo graduale basse dosi di ormoni”. fonte staibene

Sesso fra donne: curiosità di provare

In un'intervista fatta a Stefania Orlando, la bella showgirl ha dichiarato che "la mente delle donne è molto affascinante e che è molto più bello il corpo femminile rispetto a quello maschile."
La Orlando non è la sola donna a pensarlo, a quanto pare.
La conseguenza indiretta di questo tipo di considerazione è che nel nostro Paese il 40% delle adolescenti ha consumato almeno un rapporto saffico: un trend trasversale che va da Nord a Sud, prescindendo da differenze sociali e di reddito.
È il dato-chiave che emerge dal convegno «Sessualità e scelte consapevoli» organizzato all'Istituto San Gallicano di Roma, dove lo psicologo dell'infanzia Federico Bianchi di Castelbianco ha presentato i risultati di uno studio sul boom dell'esperienza lesbo delle giovanissime: «Esistono una serie di messaggi mediatici che esaltano l'omosessualità come regno della trasgressione, del sesso facile, della moda, del divertimento. Il rapporto saffico viene mostrato per stupire e affascinare, basti pensare al celebre bacio in diretta tv tra Britney Spears e Madonna, o a una serie di spot in cui i ruoli sessuali sono scambiati. Le ragazze subiscono questi messaggi forti e precisi, e scatta un fattore imitativo che fa dire a molte che l'esperienza omosex è una prova di maturità, una sorta di passaggio iniziatico per sentirsi grandi e alla moda».
Il trend della «trasgressione omosessuale» (che è tutt'altra cosa rispetto all'omosessualità vera e propria) riguarda entrambi i sessi: «Nel 2000 - spiegano i curatori della ricerca - il 60% dei ragazzi aveva avuto almeno un'esperienza gay, mentre le donne erano solo il 20%. Oggi le ragazze ad aver sperimentato l'approccio saffico sono almeno il doppio».
La novità - in campo femminile - è però che ora si comincia più presto: dai 12 ai 15 anni la gran parte ha già avuto il suo primo rapporto lesbo».
Così dichiara Stefania F. 40 anni, manager milanese: «Le donne sono meravigliose, con tutti i loro difetti. Molte sono affascinanti non solo per la loro bellezza ma anche per il loro pensiero. Mi attrae una donna con modi gentili ma che sa il fatto suo. Parlando con i miei amici, corro sempre il rischio di essere fraintesa: a me piacciono gli uomini, ovvero vado a letto con loro, ma mi affascina più la bellezza esteriore e interiore della donna. Non è sempre solo sesso, non è voglia di godere con una donna ma è solo attrazione dei sensi. Non sono lesbica e nemmeno bisessuale ma non nego di avere questo sentimento. E non ci trovo nulla di male.»
Una donna sa bene che cosa piace a un'altra donna.
Le gambe diventano le porte spalancate a tutto un mondo fatto di percezioni in attesa di essere vissute. E allora la delicatezza si fonde al conturbante, la lingua esplora parti che prima solo il tatto aveva conosciuto. Il gusto del sesso si inebria degli spasmi dei corpi che si muovono per dare e ricevere un piacere lambito dalla carne e che cresce a ogni carezza dal sapore assuefatto di voglia allo stato puro.
Capitolo a parte poi l'amore tra donne. A volte ci sono ragazze che si rifugiano nel  loro mondo e si mescolano con altre femmine perché necessitano di sensibilità e tatto. C'è chi vuole provare nuove esperienze, perché non più "colmata" dall'uomo. Spesso diventano "amanti" due grandi amiche, anche senza consumare il loro amore. fonte Style.it

Le coppie all'antica fanno più sesso

Lui lavora, lei si occupa della casa e dei figli. Insomma: una coppia in cui i ruoli sono tradizionali e all´antica. Un cliché superato e perdente? Tutt´altro, almeno in fatto di sesso. Sì, perché sarebbe proprio questo tipo di coppie ad avere il primato delle prestazioni sessuali, rispetto ai partner più moderni, che lavorano entrambi e sono sempre molto impegnati. Lo sostiene una ricerca condotta negli Stati Uniti della University of Washington, pubblicata sulla rivista scientifica "American Sociological Review".

Gli studi

Da studi precedenti risultava che alcuni mariti facessero più sesso quanto più si dedicavano alle faccende domestiche. E secondo gli scienziati ciò poteva significare che gli uomini usavano il sesso come "merce di scambio" per occuparsi di queste mansioni.

Secondo il nuovo studio, invece, il sesso è l´esatto opposto, qualcosa legato ai ruoli che i partner si sono dati all´interno della coppia. Le coppie che seguono ruoli di genere tradizionale, con le mogli che fanno le pulizie, si dedicano alla cucina e allo shopping, mentre gli uomini che curano il giardino, pagano le bollette e sistemano l´auto, hanno riferito una maggiore frequenza di rapporti sessuali.

La ricerca ha coinvolto 4500 coppie eterosessuali con età media del marito di 45 anni e della moglie di 44. Nelle coppie in cui c´erano ruoli non tradizionali, c´erano rapporti sessuali circa cinque volte al mese. In quelle in cui i ruoli erano di impostazione più classica, i rapporti sessuali avevano una frequenza mensile 1,6 volte superiore.

Il rapporto tra ruolo familiare e sesso

"In particolare, sembra che le identità di genere di mariti e mogli si esprima attraverso le cose che fanno in casa e questo potrebbe anche contribuire a strutturare il comportamento sessuale", ha spiegato Julie Brines, autrice dello studio. fonte staibene

 

 

Pagina 327 di 344

Marco Rossi sui Social Network

 

facebook logo detail ios homescreen icon

unnamed pinterest-icon

 

Marco Rossi è Collaboratore di Psicologi Italia

label-psicologo

Marco Rossi è Presidente della Società Italiana di Sessuologia ed Educazione Sessuale

Marco Rossi e il Centro Medicina Sessuale

10177450 644754452262215 609929187 n

 

Marco Rossi su Run Radio

runradio

Mercoledì ore 11,55

Marco Rossi su Radio Deejay

Venerdi ore 19,30

in DeeSera

Impotenza

Istruzioni per l'uso

E' possibile scaricare l'applicazione gratuitamente su iTunes

Eiaculazione Precoce

Istruzioni per l'uso

E' possibile scaricare l'applicazione gratuitamente su iTunes

Cerca nel sito

Acquarelli Erotici

Realismo Idealista a Zagabria

 Acquarelli Erotici

Prossimi Incontri ed Eventi

A Milano presso il Nyx Hotel Milano  martedì 16 ottobre alle 19 si terrà una conferenza esclusiva organizzata da La Chiave di Gaia in collaborazione con il Dottor Marco Rossi sessuologo e psichiatra e la fondatrice e sensual trainer Gaia.

Parleremo di Sessualità 3.0 : cambiamenti e nuove tendenze all’epoca del 3.0 nella donna , nella coppia e non solo.

Come la tecnologia ha cambiato il sesso e la sessualità?

Tecnologia e cambiamenti sociali sono un bene o un male per la sessualità?

La serata è esclusiva con posti limitati e solo su prenotazione!

Sarà a disposizione anche un aperitivo

Per info contattare Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Organizzazione Conferenze Incontri ed Eventi

ORGANIZZAZIONE CONFERENZE INCONTRI ED EVENTI
Il Dott. Marco Rossi ha una lunga esperienza nella organizzazione di eventi e nella partecipazione in qualità di relatore e/o moderatore a conferenze. Le tematiche trattate sono inerenti al singolo, alla coppia, a problematiche sociali e temi culturali riguardanti la sfera dei sentimenti e della sessualità senza mai tralasciare la componente psicologica.

Organizzazione Conferenze Incontri ed Eventi

Go to top