newslogo

La mappa del sesso per le Italiane

La tendenza è in atto da alcuni anni  ma non è uniforme in tutta Italia.  E dopo una indagine  che fino a pochi anni fa piazzava  i maschi piemontesi ai vertici della classifica regionale,  tornano ora in auge i siciliani, seguiti a ruota dai romani. Ma perché il sesso  è sempre meno praticato?  E perché in alcune regioni di più ed in altre meno?

Diventano sempre più rari gli incontri fra le lenzuola

In media, oggi, in un mese le coppie  italiane  hanno da 1 a 3 rapporti sessuali, contro i 5-7 di 20 anni fa.

Secondo Emilia Degennaro, ricercatrice del BBC Center che ha condotto uno studio per la Schering su 1.814 donne, durante il congresso di Berlino sui 40 anni della pillola in Europa, la qualità del sesso in Italia  nonè il problema principale; il problema è la quantità. Le italiane, rispetto alle donne francesi, ritengono la propria vita sessuale buona o ottima (rispettivamente per il 60% e oltre il 20%). Ma, ha sottolineato la studiosa, "per il 18,5% delle italiane, il sesso serve a trovare una maggiore vicinanza col partner, mentre solo per il 22,4% il suo scopo è dare e avere piacere fisico".

"La gente non fa più l´amore - ha aggiunto Pier Giorgio Crosignani, direttore della cattedra di Ginecologia e ostetricia dell´università di Milano - e pensa in modo diverso alla riproduzione: in Italia e Spagna si hanno i livelli più bassi di fertilità in Europa e, se continuiamo così, in 25 anni saremo 10 milioni di meno".

 I piemontesi vivono il sesso in modo gioioso

Secondo   l’indagine “Gli italiani, i rapporti sessuali e la disfunzione erettile” condotta da Astra Ricerche con il contributo di Lilly, i campioni di passionalità sotto le lenzuola sarebbero (a sorpresa) i piemontesi. L’indagine ha individuato nei piemontesi “Positive sex people”, perché vivono in maniera gioiosa e positiva la sfera della sessualità.

Tra le condizioni che rendono i rapporti sessuali più validi e soddisfacenti, al primo posto (il 73% degli intervistati) “se i partner fanno l’amore in modo spontaneo”, al 2° posto (65% ) ha indicato “se i partner fanno l’amore con passione”, al 3° posto  il 56% “se i partner fanno l’amore quando sorge il desiderio”.

Il problema è che la buona nomina dei piemontesi deriva da quello che dichiarano gli stessi uomini.

Un’altra ricerca , infatti, declassa i piemontesi, soprattutto sentendo il parere delle loro donne.  In un’altra indagine ("La medicina della sessualità come paradigma del benessere globale")  condotta nel Lazio e in altre 5 Regioni (Liguria, Piemonte, Toscana, Puglia e Sicilia) per valutare l'atteggiamento di uomini e donne nei confronti dell'eiaculazione precoce il sesso degli uomini piemontesi esce abbastanza male  perché lascia 4 donne su cinque insoddisfatte a vantaggio dei siciliani, dei laziali, dei pugliesi e dei liguri.

I romani passionali ma un po’ troppo frettolosi

Che fossero passionali si sapeva, ma non si sapeva che gli  uomini laziali  fossero anche così frettolosi .  Basti pensare che una coppia su quattro non raggiunge il piacere, anche se ha in media 96 rapporti sessuali all'anno. Il motivo? Lui si accende di passione ma si spegne troppo presto. Per 380mila coppie laziali il sesso non dura infatti più di due minuti.

I dati dell'indagine mostrano innanzitutto che i laziali sono poco soddisfatti della loro vita sessuale: circa il 75% non è contento di ciò che accade sotto le lenzuola, soprattutto gli adulti fra i 20 e i 50 anni. L'insoddisfazione sessuale è una mina vagante nei rapporti a due: il 62% dei laziali ammette difficoltà di coppia per colpa del suo problema e il Lazio risulta peraltro la Regione dove il problema è più sentito dagli uomini.

 Il 68% si sente insicuro a letto e solo i piemontesi sono ancor meno a proprio agio fra le lenzuola (69%). Il 46% degli uomini ammette che il disturbo nuoce alla coppia, che in un caso su due smette di frequentare gli amici o cerca di distrarsi con i viaggi (i laziali, con il 29%, sono quelli che più spesso cercano di scappare dal loro disturbo).

Finché molti addirittura si separano: succede al 9% dei laziali e in percentuali simili anche nelle altre Regioni. "L'eiaculazione precoce è il disturbo sessuale maschile più comune e comporta molta frustrazione in entrambi i partner", spiega Vincenzo Gentile, direttore del Dipartimento di Ginecologia e Urologia dell'Università Sapienza di Roma. "L'uomo - aggiunge l'esperto - diventa insicuro e perde autostima, lei reagisce con rabbia e aggressività. Tutto ciò crea tensioni che possono portare alla crisi della coppia, tanto che il 9% delle donne si separa e il 7% ha rapporti extraconiugali".

Una donna su 2 a Roma non raggiunge l’orgasmo ma a Torino e Genova  va peggio

 L'impatto negativo dell'eiaculazione precoce colpisce infatti anche le partner, che spesso si sentono frustrate e arrabbiate: la percentuale di donne che riesce a raggiungere un orgasmo è del 52% e il 68% delle laziali ammette di essere insoddisfatta.

Le donne più "arrabbiate" a causa di questo disturbo sessuale sono le piemontesi, seguite dalle liguri e dalle pugliesi. Gli uomini più frustrati a causa di rapporti sessuali troppo rapidi sono invece i liguri (76%). Lato soddisfazione del rapporto sessuale: l'81% dei piemontesi e l'80% dei liguri si dichiara insoddisfatto rispetto al 76% e 75 dei laziali e dei siciliani. Dato comune a quasi tutti gli intervistati: non sanno che esistono soluzioni efficaci. Fonte staibene

Dipendenza femminile da pornografia

Porno online, dipendenza anche per le donne  Secondo uno studio tedesco il fenomeno non riguarda solo i maschi: di foto e video in rete abuserebbe il 17%, spesso sviluppando atteggiamenti di ipersessualità

Non solo gli uomini. Che anche le donne potessero sviluppare una qualche forma di dipendenza dalla pornografia era noto. E oggi la casa della pornografia è sostanzialmente il web. Ora uno studio firmato dalla Duisburg-Essen University, in Germania, si lancia oltre. Raccontando come la fruizione pesante di materiale pornografico online potrebbe addirittura rendere alcune donne ipersessuali, spingendole cioè a impiegare molto tempo in fantasticherie erotiche. E non solo.

Questo genere di disturbo della personalità, secondo gli scienziati tedeschi, somiglia infatti molto a quella più volte osservata in ricerche passate negli uomini. Si sostanzia non solo nella continua necessità di fruire di questo genere di prodotti, video e foto, ma anche nell’eccessiva masturbazione e nella promiscuità. Stando all’indagine, pubblicata sulla rivista Cyberpsychology, Behavior and Social Networking, la porno dipendenza è più preoccupante del previsto: se ne dice colpito il 17% delle donne.

La ricerca ha ruotato intorno a 102 giovani donne fra i 18 e i 29 anni divise in diversi gruppi: uno consumatore di materiale pornografico online, un altro privo di quest’abitudine e altri due composti in base all’uso di strumenti di cybersex come chat, webcam o portali di incontri. Diversi i test e le verifiche messe in campo, in particolare rispetto ai livelli di eccitazione riscontrati alla vista di 100 immagini pornografiche, divise in dieci diverse categorie e presentate in ordine casuale, e al successivo richiamo sessuale espresso tramite una votazione.

I risultati – hanno riferito i ricercatori – indicano che gli utenti abituali di porno in internet trovano le immagini pornografiche più eccitanti e hanno riportato maggiore desiderio rispetto ai non utilizzatori”. Non basta: il richiamo sessuale delle immagini, la sensibilità all’eccitazione e comportamenti problematici predicono spesso all’allargamento della dipendenza a strumenti di sesso online. fonte vanityfair

 

I segreti delle coppie felici e sposate

 La passione non è ciò che tutti pensiamo di trovare nel fuoco dell'amore: sensazione ineffabile e altrettanto evanescente, destinata a svanire in breve. L'autentica passione arde come un tempo le fiamme del camino accendevano la casa di calore, profumo, presenza. Nello stesso modo chi condivide un amore deve curarlo con attenzione, gioia, senza dimenticare che la fiamma lasciata a se stessa diventa cenere.

Alcune coppie possiedono un sorriso capace di accendere chi sta loro vicino. Spesso non si tratta di aver avuto una vita facile: tutt'altro, indagando fra le coppie felicemente sposate da tanto tempo si scopre che proprio le difficoltà hanno aiutato il rapporto a diventare più profondo. Ma dipende soprattutto da come le si affronta...

1 Dare all'altro la nostra disponibilità è un atto libero, gratuito e senza ritorni: molto spesso si tende a far notare ogni briciola del nostro tempo e dell'energia che utilizziamo per l'altro. È meschino. Se in tutta coscienza non senti realmente l'esigenza di proporti per qualcosa, evita di farlo. Nei momenti in cui decidi di esserci sii presente in maniera totale. Così facendo acquisterai più leggerezza e tenderai a cancellare recriminazioni e frustrazioni che di solito assalgono quando ci diamo all'altro senza esserne convinti.

2 Le coppie felici sanno dirsi la verità e non si tratta solo di questioni delicate come l'eventualità di un flirt o un tradimento, ma l'onestà in un senso molto più ampio e profondo: è la capacità di guardarsi negli occhi e non dare, né a se stessi né all'altro, risposte facili o scontate. La verità in una coppia è quella qualità di trasparenza e chiarezza grazie a cui poter dire “Scusa, ho sbagliato” e non dare nulla per scontato, sapere che tutto è sempre in gioco, trattare l'altro come noi vorremmo essere trattati.

3 Coltivare il tempo insieme -  Per alcuni funziona che senza uno l'altro non va da nessuna parte, per altri gli spazi dedicati a se stessi sono più ampi e a volte raggiungersi è un viaggio attraverso Paesi e vite differenti: non importa su quale tipo di tempo sia fondato il vostro rapporto d'amore, la qualità essenziale è avere cura dei momenti da trascorrere insieme, creare progetti da condividere, trasformare l'oggi in un istante prezioso.

4 Accettare l'altro per come è, abbandonando l'idea infruttuosa e deleteria di cambiarlo. Ognuno di noi è esattamente ciò che è: quando conosci qualcuno per la prima volta inizia a chiederti se riusciresti a sopportare per i prossimi trent'anni quelli che ora ti sembrano amabili difetti. La risposta sincera a questa domanda è la prima fonte di benessere per un rapporto sano, che si costruisca su come siete e non come vorreste l'altro in senso ideale.

5 La capacità di credere e costruire il futuro insieme è un forte legame in grado di unire una coppia. I figli, un progetto lavorativo o di ispirazione, il saper contare uno sull'altro: possono essere cose diverse a seconda di ogni coppia, ma, in generale voler condividere se stessi e la propria vita è un salto di qualità per il rapporto, perché significa andare oltre il proprio io per includere un noi con un orizzonte e una forza più grandi.

6 Aver rispetto dell'altro e non perdere mai questa consapevolezza, nemmeno nei litigi più violenti, perché le parole lasciano un segno duro da cancellare e quando si varcano certi confini è difficile poter tornare indietro.

7 Guarda cosa l'altro ha di diverso rispetto a te e amalo per queste differenze, grazie a cui potete migliorare e evolvervi. Essere capaci di vedere il bello negli altri è saper vedere e amare anche in se stessi, con le nostre ferite e debolezze, splendide vette e paurosi abissi.

8 Ridere fa bene all'amore - Non c'è proprio nulla di speciale in una cena insieme o la passeggiata della sera, eppure le piccole cose con la persona giusta acquistano un sapore indimenticabile. Sapersi divertire, persino sbagliando una strada o condividendo un problema, succede quando l'amore riesce a essere pura condivisione e entusiasmo per la vita.

9 I cocci hanno un valore -  Essi rappresentano il dolore della frattura, ma anche la pazienza e la volontà di ricomporre i pezzi, l'amore per qualcosa che ha una storia antica, la gioia di veder ricomporsi qualcosa che si pensava già fosse perduto. Cose che una coppia di vecchia data conosce molto bene.

10 In fondo non ci sono regole, perché ognuno di noi cambia continuamente. Quando accetti di condividere la tua vita con un'altra persona devi sapere che tu sei in evoluzione, così come l'altro. Promettersi di essere fedeli a ciò che siamo oggi può rivelarsi infelice e limitante: decisamente più saggio prendersi per mano e sapere che con questo compagno di viaggio sei pronto a sfidare ogni giorno la vita.

fonte Tgcom24

Pagina 328 di 344

Marco Rossi sui Social Network

 

facebook logo detail ios homescreen icon

unnamed pinterest-icon

 

Marco Rossi è Collaboratore di Psicologi Italia

label-psicologo

Marco Rossi è Presidente della Società Italiana di Sessuologia ed Educazione Sessuale

Marco Rossi e il Centro Medicina Sessuale

10177450 644754452262215 609929187 n

 

Marco Rossi su Run Radio

runradio

Mercoledì ore 11,55

Marco Rossi su Radio Deejay

Venerdi ore 19,30

in DeeSera

Impotenza

Istruzioni per l'uso

E' possibile scaricare l'applicazione gratuitamente su iTunes

Eiaculazione Precoce

Istruzioni per l'uso

E' possibile scaricare l'applicazione gratuitamente su iTunes

Cerca nel sito

Acquarelli Erotici

Realismo Idealista a Zagabria

 Acquarelli Erotici

Prossimi Incontri ed Eventi

A Milano presso il Nyx Hotel Milano  martedì 16 ottobre alle 19 si terrà una conferenza esclusiva organizzata da La Chiave di Gaia in collaborazione con il Dottor Marco Rossi sessuologo e psichiatra e la fondatrice e sensual trainer Gaia.

Parleremo di Sessualità 3.0 : cambiamenti e nuove tendenze all’epoca del 3.0 nella donna , nella coppia e non solo.

Come la tecnologia ha cambiato il sesso e la sessualità?

Tecnologia e cambiamenti sociali sono un bene o un male per la sessualità?

La serata è esclusiva con posti limitati e solo su prenotazione!

Sarà a disposizione anche un aperitivo

Per info contattare Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Organizzazione Conferenze Incontri ed Eventi

ORGANIZZAZIONE CONFERENZE INCONTRI ED EVENTI
Il Dott. Marco Rossi ha una lunga esperienza nella organizzazione di eventi e nella partecipazione in qualità di relatore e/o moderatore a conferenze. Le tematiche trattate sono inerenti al singolo, alla coppia, a problematiche sociali e temi culturali riguardanti la sfera dei sentimenti e della sessualità senza mai tralasciare la componente psicologica.

Organizzazione Conferenze Incontri ed Eventi

Go to top